La grafica di X e Y

(basato su XY UI nitpicks di Alex Munroe)

Nonostante la Game Freak abbia prodotto oltre venti titoli della serie Pokémon per console portatili, l’interfaccia utente di Pokémon X e Y presenta numerose stranezze che Alex, gestore del sito veekun, ha voluto raccogliere in un post sul suo blog. I problemi principali che ha riscontrato sono i seguenti:

  • Durante una lotta non è possibile consultare velocemente la descrizione di una mossa. Come nelle versioni precedenti, è stato attivato il tasto L per visualizzare i dettagli degli attacchi. Tale funzionalità non sembra essere menzionata né durante il gioco, né nel libretto d’istruzioni (nella speranza che qualcuno lo consulti :D). Tuttavia questa caratteristica non è compatibile con l’opzione L=A. Non potevano quindi essere utilizzati i pulsanti X e Y?
  • Sempre legato all’uso del tasto A: in molti RPG il bottone per proseguire nel dialogo è identico a quello utilizzato per confermare le possibili scelte offerte dal NPC. Considerando i tasti inutilizzati, si poteva sperimentare una soluzione differente.
  • Al momento di rimuovere una mossa, non è possibile consultare le statistiche del Pokémon per valutarne l’Attacco o l’Attacco Speciale. Esistono inoltre due diverse interfacce per la cancellazione di una mossa. La logica dietro l’apprendimento di un nuovo attacco continua ad essere errata: dopo aver domandato se si ha interesse ad aggiungere la nuova mossa, viene chiesto quale attacco rimuovere. Se si cambia idea, tornando indietro verrà nuovamente proposto se si ha interesse ad inserire l’attacco, nonostante si stata appena annullata l’operazione!
  • Come in Bianco e Nero lo zaino presenta cinque tasche, tuttavia il contenuto sembra essere molto sbilanciato:
    • Gli strumenti base sono una ventina
    • Gli strumenti curativi sono meno di cinquanta
    • Le bacche non sono più di sessanta
    • Le MT e MN sono un centinaio
    • L’ultima tasca si trova invece a contenere oltre 200 oggetti tra cui:
      • Una quindicina di diverse Poké Ball
      • 18 Lastre per Arceus
      • Vari tipi di fossili
      • Una enorme quantità di strumenti (oggetti evolutivi, incensi, bijou e quant’altro)
  • Il Pokédex non è immediatamente consultabile mentre si sta osservando un proprio Pokémon. È necessario cercarlo o ricordarsi il numero per trovare informazioni utili quali il peso. Oltre ad essere sparita la comodissima Lista Zone, non sono presenti informazioni sulle mosse o le abilità dei Pokémon (probabilmente questa mancanza serve ad incentivare le vendite della guida o dell’app).
Annunci

Pokémon sulle nuvole

La grande notizia del Pokémon Direct di oggi è la Banca Pokémon, considerata l’erede di Pokémon Box: Rubino e Zaffiro e di My Pokémon Ranch, due prodotti considerati di nicchia da gran parte dei fan.

Da un lato la Nintendo vuole far risparmiare le famiglie, lanciando il Nintendo 2DS in contemporanea con Pokémon X e Y, dall’altro i giocatori della serie dovranno pagare un canone annuale per poter inserire i Pokémon nel cloud. È inoltre negata la possibilità di inserire Pokémon “illegittimi” nel sistema, importandoli da Nero, Bianco, Nero 2 e Bianco 2. È ancora presto per parlare di “tassa Pokémon”, ma potrebbe essere interpretato come un modo per evitare di inserire in futuro Downloadable Content a pagamento.

La seconda notizia, non meno importante, è che il Professor Platan consegnerà uno degli starter di Kanto, come già previsto in passato dalla fonte di PokéBeach. E tali starter avranno altrettante megaevoluzioni. Si era già parlato di Charizard nell’ambito delle megaevoluzioni. Oltre ad essere inserito nella lista compilata da AAPF, il Pokémon Fuoco/Volante (che NON diventerà Fuoco/Drago) compariva in uno degli screenshot mostrati su queste pagine. Nell’immagine è possibile notare la presenza di Venusaur e dei tre Pokémon elargiti dallo studioso della regione di Kalos.

A margine è stato pure intravisto un nuovo Pokémon quasi interamente ricoperto di bianco che va ad ingrossare le fila della sesta generazione. Un nuovo “caso Orotto” o qualcuno dei Pokémon svelati da Pokéxperto? Una cosa è sicura: manca solamente poco più di un mese a lancio di due dei più controversi giochi della saga.

Demo del Pokémon Game Show

Sabato 17 e domenica 18 agosto sarà possibile mettere la mani sulla prima demo di Pokémon X e Y al Pokémon Game Show di Tokyo. La stessa demo probabilmente verrà mostrata in Germania e in altre parti del Giappone la settimana seguente.

È già stata confermata la presenza delle Megaevoluzioni nella demo. È probabile che, oltre a scoprire il nome delle nuove Megapietre, potremmo conoscere nuovi Pokémon, come già avvenuto nel 2010 con Pokémon Nero e Bianco. Non è inoltre escluso che qualche novità non possa arrivare dai gadget. Tre anni fa l’esistenza di Pansage fu scoperta grazie ad alcuni giocattoli Bandai.

Vi lascio con un’immagine proveniente dall’episodio trasmesso il 18 luglio. Nella puntata Alexa passa a Spighetto una rivista con questa copertina:

Rivista di Alexia

La rivista di Alexia

Notate qualcosa di particolare? Lucario è accanto a Blaziken. Una ventina di giorni dopo vengono annunciati i Megapokémon. Dato che Pinsir, Meditite e Charizard compaiono nella lista, stilata da AAPF, dei marchi rinnovati il 14 giugno 2012, sorge spontanea qualche domanda sulla casualità dei Pokémon ritratti in quel semplice fotogramma.

Masuda e la Francia

Nella giornata di ieri, durante il Japan Expo, un evento dedicato alla cultura nipponica che si tiene a Parigi dal 2002 e attrae oltre 200 mila persone, è stato proiettato un video di Junichi Masuda dedicato a Pokémon X e Y.

Nel videomessaggio Masuda, che indossa una delle magliette “My First Partner” prodotte da The King of Games, su un fondale giallo (come il Pikachu a cui è dedicata la t-shirt), racconta in giapponese (sottotitolato in francese e, successivamente, in inglese) alcuni dettagli relativi ai giochi di imminente uscita.

Dopo essersi presentato, conferma che la regione di Kalos è ispirata alla Francia. La Francia è una nazione molto visitata, paese famoso per la moda e la buona cucina. Poiché il leitmotiv di Pokémon X e Y è la bellezza, anche la scelta del nome deriva dalla parola greca che indica tale concetto. Masuda racconta di aver visitato tre volte la terra dei Lumi: la prima volta, nel 2000, in occasione della proiezione di Mewtwo colpisce ancora, la seconda dieci anni più tardi, terminata l’opera di Pokémon Nero e Bianco. Convinto della bontà del progetto nel 2011 ha condotto una ricerca più approfondita, accompagnato da parte del suo staff e dal team francese di localizzazione.

Oltre a Parigi, che serve da spunto per la città più importante di Kalos, Luminopoli, altre località sono state esplorate da Masuda e potrebbero aver influenzato il design di alcuni luoghi della regione: Lione, Reims, Avignone, Arles, Marsiglia, Nizza, Eza, Mont Saint-Michel, la Reggia di Versailles e i castelli della Loira.

Uno dei punti più suggestivi di Kalos sarà probabilmente il complesso megalitico che, nella mappa di Kalos, è situato a sud del castello posto su un’isoletta (probabilmente ispirato all’abbazia di Mont Saint-Michel). Sebbene nell’immaginario comune il sito archeologico più noto è quello di Stonehenge, gli allineamenti di Carnac ci sono composti da migliaia di dolmen e menhir. Roba da far impallidire anche Obelix.

E sempre legata alla storia francese è l’introduzione di un nuovo Pokémon, oltre ai venti già svelatiHonedge (che per un’intera giornata è stato appellato con il nome francofono di Monorpale) è una spada antica posseduta da un fantasma. Non può quindi che essere chiaramente un Pokémon Acciaio/Spettro che impara Danzaspada!

Non volendo svelare ulteriori dettagli, Masuda si dedica infine a parlare di Poké io&te. Mancano solo tre mesi al lancio dei giochi e ad agosto avremo una demo. Chissà quali altre informazioni verranno svelate prima dell’uscita.

Voci dal sottobosco

Amazon ha aggiunto di recente nel suo catalogo la guida ufficiale di Pokémon X e Y. Chi metterà le mani sul volume avrà una panoramica della regione di Kalos, informazioni sui capopalestra e le rispettive medaglie e su come catturare i Pokémon della sesta generazione. E potrà inoltre pulire lo schermo del suo Nintendo 3DS con un panno a tema Pokémon.

Gadget a parte, è chiaro fin da adesso che la guida conterrà la nuova tabella tipi, aggiornata per includere il tipo Folletto. Sarà inoltre presenti dettagli su tutte le caratteristiche svelate nei mesi scorsi: le Lotte Aeree, il Poké io&te, le Lotte di gruppo, il PSS e la possibilità di cavalcare Pokémon. Tra le funzionalità non ancora svelate spunta il Super Training. Sarà il minigioco legato agli EVSicuramente non spariranno le Macchine Tecniche e Nascoste. Saranno meno come vociferato?

Ne sapremo di più nei mesi di luglio e agosto, soprattutto in vista dell’imminente lancio di una demo. In questa demo potrebbe apparire Orotto (o Aulotte) un Pokémon simile a Beheeyem, apparso in un trailer e di cui ancora non sono disponibili immagini. Sono già partite le speculazioni che considerando il Pokémon ignoto l’evoluzione di Sableye.

Nel frattempo iniziano le procedure per la dismissione del Pokémon Global Link, almeno per le versioni Nera, Bianca, Nera 2 e Bianca 2. Le date non sono ancora ufficializzate, ma nel mese di ottobre, con il lancio di X e Y, inizieranno ad essere disattivati il Sincrogioco e l’Asse dei ricordi. Entro dicembre toccherà mandare a dormire il Pokémon Dream World e la Global Trade Station. Nel 2014 ci aspetteranno le nuove funzionalità della sesta generazione. Sperando che riescano a coinvolgere i giocatori di tutto il mondo e godere di lunga vita.

Pokémon X e Y e Nintendo 3DS

(basato su Daely Snack: XY & 3DS di Daedardus)

L’11 giugno, in occasione dell’Electronic Entertainment Expo (E3), Tsunekazu Ishihara e Junichi Masuda saranno presenti ad una tavola rotonda relativa a Pokémon X e Y. In attesa dell’evento e del Nintendo Direct, previsto per lo stesso giorno, è possibile fare delle supposizioni riguardanti l’uso delle funzionalità del Nintendo 3DS nei titoli della sesta generazione.

I prossimi videogiochi saranno i primi titoli della serie Pokémon ad approdare sulla nuova console Nintendo. Sul suo predecessore, il Nintendo DS, sono stati pubblicati ben 9 RPG (Diamante, Perla, Platino, HeartGold, SoulSilver, Nera, Bianca, Nera 2 e Bianca 2). Gli ultimi due hanno venduto oltre 7 milioni di copie, una somma modesta confrontata ai 15 milioni di Nero e Bianco e addirittura i 18 milioni di Diamante e Perla. Alla luce di questi dati, è una scelta ragionevole presentare una nuova generazione, con nuovi Pokémon e nuove caratteristiche (forse addirittura un nuovo tipo) su una nuova console.

Circle Pad

Fin dalla prima generazione, il personaggio è costretto a muoversi in un mondo a griglia, potendosi spostare solamente nelle quattro direzioni: su, giù, destra e sinistra. Questo vincolo era dettato dal D-pad. Sviluppata nel 1982 da Gunpei Yokoi, la croce direzionale ha accompagnato la Nintendo (e i videogiochi dei Pokémon) per trent’anni. Il Circle Pad permette di effettuare movimenti a 360 gradi. La Game Freak trae vantaggio dalla innovazione tecnologica per ottenere finalmente una separazione netta tra l’erba alta e gli allenatori di Pokémon.

Effetto 3D

Fino ad oggi non è stato posto l’accento sull’effetto tridimensionale dei nuovi videogiochi. Sebbene la tridimensionalità sia un aspetto importante dal punto di vista commerciale, quasi tutto il materiale promozionale (ovviamente escludendo le demo) è rivolto ad un pubblico che non può apprezzare tale funzionalità. Sarà interessante analizzare l’utilizzo del 3D da parte degli sviluppatori una volta che sarà disponibile qualcosa di più concreto che semplici screenshot o trailer.

Pokémon Stadium?

I nostalgici di Pokémon Stadium per Nintendo 64 saranno finalmente soddisfatti dei modelli tridimensionali impiegati nel corso degli incontri. La potenza del Nintendo 3DS permette di superare i limiti presenti sul DS e le console precedenti che costringevano gli sviluppatori a creare spin-off su console da tavolo. Tuttavia gli sprite dei Pokémon non saranno completamente messi da parte: già nei primi screenshot relativi al Pokédex di Kalos è possibile notare il ritorno delle icone del menu.

Giroscopio

I minigiochi potrebbero presentare l’utilizzo del giroscopio. Competizioni come il Pokéathlon o l’equivalente del Mixer Bacche potrebbero usufruire di questa funzionalità. Circolano già rumor riguardanti un Pokémon in grado di evolversi sfruttando questo dispositivo.

Downloadable Content

La Nintendo è fortemente convinta che un gioco messo in commercio dovrebbe essere completo anche se privo di DLC. Gli sviluppatori dei Pokémon hanno avuto modo di studiare questa funzionalità sia in Nero 2 e Bianco 2 che nell’ultimo titolo della serie Pokémon Mystery Dungeon. Da un lato sono stati inseriti gratuitamente nuovi sfidanti, dall’altro è stato necessario mettere mano al portafoglio per ampliare ulteriormente il parco dei labirinti.

Su X e Y potrebbero pensare di estendere la funzionalità ai Pokémon. In passato i Pokémon Evento venivano già programmati nel videogioco e potevano essere sbloccati senza attendere il beneplacito dell’azienda. Poiché adesso è possibile ampliare il gioco una volta messo in commercio, potrebbe essere necessario scaricare un aggiornamento per ottenere nuove forme, nuovi costumi e nuovi allenatori. La speranza è che il gioco resti godibile anche senza dover ricorrere al download di svariati kilobyte.

SpotPass e Streetpass

Lo SpotPass potrebbe essere utilizzato per catturare particolari Pokémon senza dover seguire costantemente i siti che ospitano notizie. Il led delle notifiche porterà l’informazione direttamente a casa anche del giocatore più disinteressato.

Analogamente lo StreetPass facilità la possibilità di effettuare incontri con gli allenatori nelle vicinanze, permettendo di scambiare velocemente gli strumenti. Sarà quasi certamente presente una sorta di vincolo per evitare di rendere troppo semplici le prime fasi di gioco.